• Partire in moto




    "' BIKERS: SE VUOI ANDARE VELOCE PARTI SOLO,SE VUOI ANDARE LONTANO PARTI IN COMPAGNIA ."

  • IL Gusto della scoperta




    "leggi i post e scopri la Nostra "cifra stilistica""

  • Solidali con Bikers




    "LA SOLIDARIETÀ PARTE DALL'ANIMA ".

A BREVE LUOGO E DATA DELLA CENA SOCIALE

lunedì 1 ottobre 2018

Un Fuori Programma...da BOTTO finale!!!

Si dice che le cose meno programmate sono quelle che riescono meglio, e l'ultima avventura denominata "Fuori programma" di Bikersinmoto, non ha smentito il detto popolare, a cominciare dal meteo, per concludersi con il numero di partecipanti da record!
Quella che doveva essere una gita conclusiva per pochi intimi, - scaturita da un'idea del Presidente che in questi luoghi "gioca in casa" essendo praticamente il sindaco onorario della Val di Fiemme,   si è trasformata in un prestigioso tour a cui ha partecipato una folta schiera di amici vecchi e nuovi, entusiasti del programma che li ha visti protagonisti di una due giorni talmente densa di appuntamenti che ha richiesto una organizzazione rigorosa, il cui successo è stato assicurato da una puntualità a dir poco tedesca.
Dopo la partenza degli equipaggi alle 8,30 alla volta di Bassano del Grappa per il ricongiungimento con il resto della comitiva, il tour proseguiva nella cornice autunnale di una giornata da manuale del motociclista, facendo tappa al Passo Rolle passando per San Martino di Castrozza e proseguendo poi per Paneveggio, presso il Parco dei Cervi, dove questi animali regali  hanno dato mostra di sè, mettendosi addirittura in posa per farsi immortalare, il tutto condito da una sosta pranzo a base di piatti della tradizione trentina splendidamente serviti dal  Ristorante da Meto a S. Martino di Castrozza.
La giornata già intensa però non si poteva dire ancora conclusa, perchè dopo la cena (anche questa davvero ottima) gustata nell' Hotel di Cavalese dove abbiamo pernottato, Bikersinmoto ha voluto riservare una sorpresa davvero unica ai partecipanti: la visita in notturna al Planetario di TESERO con la dotta spiegazione del Presidente  del centro Astro-Fiemme, una guida davvero esperta e competente e successiva osservazione al telescopio della volta celeste, in una notte tersa e serena, come solo gli scenari dolomitici possono regalare. Siccome le forze del gruppo erano già state messe a dura prova dalla giornata, lo spostamento in nottura è stato effettuato con mezzi a 4 ruote, ma a tale proposito vanno citati i 2 eroi della situazione: Manuele e Fabio, che con
le rispettive compagne, hanno sfidato il buio e soprattutto la strada accidentata verso il Planetario facendo il tragitto con le moto!
La mattina dopo, forti di una colazione sontuosa, i nostri eroi sono partiti alla volta del  Lago di Caldaro, e in località San Paolo  (fraz. di Appiano), contemporaneamente allo sbocciare di un sole inizialmente timido,  è apparso loro il maestoso e bellissimo Castello Hotel Korb che ha superato ogni aspettativa degli astanti:  in questa location esclusiva, all'interno di un bunker riadattato a sala degustazioni, il gruppo ha potuto assaggiare due rinomati vini Alto Atesini, ammirando poi gli splendidi giardini e le piscine che ospitano la clientela esclusiva dell'Hotel da mille e una notte. Come se ciò non bastasse un'altra "chicca" aspettava i partecipanti come gran finale del tour: dopo una non poco impegnativa ascesa sulla vetta
del colle del Castello, una seconda struttura più antica, risalente addirittura al 1200, attendeva l'arrivo della comitiva, a questo punto, affamata da tanta attività fisica! Le aspettative non sono state deluse, perchè fra le mura, oltre che i fasti dell'antica dimora, si poteva ammirare un oste in carne e ossa, intento a rosolare costolette e arrosti in una inusuale caldaia che al contempo affumicava le specialità, successivamente servite su taglieri di legno accompagnate da altre delizie culinarie tipiche della regione.
A malavoglia il gruppo a metà pomeriggio si è radunato per i saluti di rito prima di rientrare alla base, perchè il sole estivo, il cielo azzurro, le mura del castello e soprattutto la compagnia e l'amicizia rendevano particolarmente dura la strada del ritorno.
L'unica consolazione per tutti è che Bikersinmoto sta già lavorando per rendere indimeticabili anche i prossimi eventi che verranno programmati per il 2019 e che verranno presentati alla prossima Cena Sociale ancora in via di definizione.



venerdì 7 settembre 2018

FUORI PROGRAMMA 29-30 settembre

Dalle PALE di San Martino di Castrozza fino ai CASTELLI dell"Alto Adige attraverso le cantine del lago di Caldaro.Non era in programma ma dopo il successo di partecipazione  riportato in tutte le iniziative di Bikersinmoto, non poteva che finire cosi; ecco di seguito il programma:
Partenza da Forli ore 8,15 direzione Padova in autostrada poi direzione Bassano del Grappa, Fiera di Primiero fino ad arrivare al primo vero pit stop: Da METO, noto ristorante di San Martino di Castrozza in cui verrà servito il pranzo con: antipasto, primo piatto, dolce e caffè. Ripartenza alla volta di Cavalese attraverso il Passo Rolle con sosta al parco di Paneveggio per ammirare i Cervi in tutta la loro maestosità: se il tempo lo permetterà  saliremo fino al passo Oclini dove si potrà degustare uno dei migliori strauben della zona. Arrivo in hotel a Cavalese per cena pernottamento e prima colazione (menu concordato  composto da un primo piatto, un secondo con contorni, dolce e caffè). La domenica mattina dopo la prima colazione partenza alla volta del Lago di Caldaro quindi San Paolo, frazione di Appiano dove alle  ore 11,00 è programmata la visita con degustazione. Presso l'hotel adiacente lasceremo  moto e macchine parcheggiate e senza dover risalire nei mezzi, affronteremo una salita irta della durata di 20/30 minuti per arrivare al Castello dove verrà servito il pranzo tipico. Sia la salita che la discesa avranno l'effetto di farci smaltire il buon vino assaggiato alla degustazione. 
Quota di partecipazione valida solo per i tesserati Bikersinmoto: Euro 105,00 comprende: pranzo Da Meto, cena pernottamento e prima colazione a Cavalese, degustazione e pranzo al Castello; sono escluse dalla quota le bevande ai pasti. Pochi posti disponibili; chi interessato contatti al più presto Paola , segretaria Bikersinmoto - cell. 3891269901- In base alle condizioni meteo il programma potrà subire alcune variazioni. Chi non fosse in possesso della tessera potrà averla ad un prezzo ridotto di 10€.  perché fine anno. 

mercoledì 5 settembre 2018

LA CITTÀ DEI PAPI

Anche se il tempo non prometteva sole a catinelle, nulla ha impedito a Bikersinmoto di portare a termine con successo l’uscita programmata per il 1° e 2° Settembre. Lo spirito e l’allegria dei partecipanti è riuscita ancora una volta a rendere questa "scorribanda" piacevole e ricca di interesse soprattutto per le cose viste e per la buona tavola che, insieme alla presenza di guide molto professionali e al pernottamento in strutture sempre strategiche e di livello, fanno per Bikers una costante.
Partiti sabato mattina per la prima tappa,lago di Bolsena, rimanevamo piacevolmente colpiti dalla buona conservazione del borgo medioevale che ci offriva un affaccio meraviglioso sul lago omonimo. Dopo aver
gustato un ottimo tagliere con affettati e formaggi del luogo, ripartivamo alla volta di Bomarzo per visitare il “ Giardino dei mostri “ dove incredibili figure ricavate dalla roccia prendevano vita in questo giardino fatto costruire per amore, da un principe, ben 500 anni fa.
Si ripartiva poi alla volta di Viterbo per un bagno rigenerante e rilassante nelle calde acque delle terme del Bagnaccio.

Raggiunto il Mini Palace Hotel (4 stelle), la giornata si concludeva con la cena al ristorante il Monastero  dove, si sono inventati la pizza doppia: spettacolarmente buona.
La domenica mattina, accompagnati da Valentina, una bravissima guida del luogo, ci dirigevamo alla scoperta della città di Viterbo con il suo quartiere medioevale di S. Pellegrino ottimamente conservato, come la Cattedrale, il Palazzo dei Papi, i suoi vicoli e le fontane intrise ancora di storia antica e misteriosa che diventa ancora più affascinante durante la visita della Viterbo sotterranea perché nei cunicoli segreti, cari ai Templari che domiciliarono in questi luoghi, aleggia ancora la loro testimonianza come in pochi altri posti al mondo.
A pranzo la buona tavola del ristorante Al Vicolo, ci dava modo ancora una volta, di gustare e apprezzare l'ottima cucina del luogo, ricca di sapori e profumi  che in compagnia  di chiacchiere e risate ci faceva dimenticare il diluvio che si era da poco scatenato all'esterno.
Raggiungevamo così le nostre moto lasciate nel garage dell'Hotel e, terminata la pioggia, riprendevamo la strada del ritorno senza aver visto, causa forza maggiore, la necropoli di Tarquinia ( visita solo rimandata) Grazie ancora una volta per la grande partecipazione, grazie come sempre di aver contribuito, ognuno con la propria personalità, alla buona realizzazione di questa uscita.
Vorremmo concludere con un  arrivederci alla Cena Sociale MA......NON È FINITA!!!!!!!


martedì 7 agosto 2018

PERCORSO PER L'AUTISMO

Quando si assiste a questo genere di "Imprese" ci sono poche parole per commentare il coraggio di un "Padre" che a piedi da San Vito al Tagliamento fino ad ASSISI,  con una fatica immane, intraprende questa sfida solo per dare visibilità  ad un problema che tocca molte famiglie italiane e sensibilizzare tutta l'opinione pubblica.
Vorrei dire che è stato un onore essere individuati come Associazione e ancor più,  poter dare il Nostro contributo, espletato in maniera egregia da Paola e Giovanni, che nella tappa Ravenna - Cervia  li ha visti attivi fin dalle prime luci dell'alba (h.5,00) effettuando una vera e propria staffetta per coprire tutto il percorso di 27 km. portando acqua frutta e abbigliamento di ricambio.
Bikersinmoto vi ringrazia tantissimo ragazzi: Oggi "Viaggiare con l'Anima" siete stati VOI per tutti NOI.






mercoledì 27 giugno 2018

SARDEGNA en plein air

Questo  post è  dedicato all'ultimo Tour di Bikersinmoto, un Foto-Racconto; si potrebbero scrivere molte cose ma lasciamo la parola alle immagini che sono più eloquenti di qualsiasi scritto....


...che ci hanno "scortato" fino a CAPOTESTA



Spero che queste  immagini abbiano, anche solo parzialmente, raccontato il Tour compiuto lungo tutte le splendide coste Sarde: un solo grido; RIFARE!!RIFARE!!RIFARE!!!!!


















venerdì 4 maggio 2018

STIFFE - ALBA FUCENS - SACRO SPECO: Le Meraviglie Nascoste

Nessun titolo può essere più appropriato di questo; IMMAGINARE NON PUOI,  devi solo visitare questi luoghi pieni di fascino e arte: "Arte" della natura dentro alle Grotte di Stiffe,  dove il fiume le attraversa rendendo le grotte uniche nel suo genere; "fascino" del paesaggio da Campo Imperatore attraverso l'altopiano delle Rocche fino a Tagliacozzo; "Arte" della pittura e del sacro nei Monasteri di Subiaco dove ha origine la "santità" di San Benedetto, patrono d'Europa.

Dentro a questo tour ci sono 30 impavidi motociclisti seguiti a ruota da 3 auto (di cui 2 Fiat Barchetta)  che non hanno mai mollato. La prima sosta prevista ad Amatrice, ci permetteva di incontrare nuovamente Don Savino, Parroco di Amatrice, già incontrato in una Nostra precedente iniziativa il quale  benediva le moto e il Nostro tour dalla nuova chiesetta sorta  al centro delle rovine. A Campo Imperatore abbiamo percorso l'itinerario immersi in un paesaggio maestoso e, incuranti della "solita" sbarra a chiusura del passo, tutte le moto e macchine, superavano l'ostacolo fino ad arrivare al famoso ristoro Mucciante dove gli arrosticini la fanno da padrone. Scendendo poi fino a Santo Stefano di Sessanio abbiamo cenato e dormito in uno splendido Residence stile castello mentre il tramonto scendeva su Rocca Calascio.

Il giorno seguente le grotte di Stiffe lasciavano tutti senza parole mentre, il sito di Alba Fucens risalente a circa 2400 anni fa, ci stupiva per la storia raccontata attraverso le Sue rovine.
La sera, dopo la visita allo splendido borgo di Tagliacozzo giungevamo a Subiaco dove avremmo trovato ricovero presso la Foresteria dei Monasteri, con visita programmata per il giorno seguente.

La serata prendeva una brutta piega quando dentro ad una saletta perfettamente insonorizzata si sfogavano i nostri partecipanti in una sfida "all'Ok Corral" meglio conosciuta con il nome di Musichiere; val la pena ricordare che è finita all'arma bianca.La mattina seguente, dopo la prima colazione aveva inizio la visita ai Monasteri: la bellezza dei luoghi non lasciava spazio a dubbi: un Tour talmente equilibrato nella sua bellezza ed armonia da renderlo  uno dei più belli realizzati da Bikersinmoto in questi anni. Vogliamo ringraziare la cortesia degli "Abruzzesi" che ci hanno ospitato e in particolare tutte le guide che sono state professionalmente sempre  all'altezza di ogni situazione.














mercoledì 11 aprile 2018

IL lago d'ISEO e le terre del FRANCIACORTA: Tanta Roba!!!!

Siamo appena scesi dalle moto, ma abbiamo ancora impresse negli occhi le cartoline che il primo tour inaugurale della stagione Bikersinmoto ci ha regalato. 

Dopo il Garda, il Trasimeno e il Maggiore, ora è il Lago d'Iseo che  ha sorpreso con le sue bellezze il nutrito gruppo di esploratori, partito con l'obiettivo di scoprire le perle di questi luoghi incantati, divenuti famosi, oltre che per le bellezze naturali, anche per la regione limitrofa del Franciacorta che ormai è sinomino delle più pregiate bollicine italiane.
Dopo una galoppata in autostrada che ha reso più veloce la tappa di avvicinamento, la prima bella sorpresa l'abbiamo incontrata a Paratico, piccolo borgo situato nella parte meridionale del Lago, collegato al vicino Sarnico da un ponte di ferro sul quale, ripassando il giorno successivo, ci siamo resi conto di come il Lago di Iseo sia preso d'assalto dai motociclisti che compiono il periplo in una variopinta sfilata degna di un motoraduno d'altri tempi. I due piccoli borghi letteralmente affacciati sul lago ci hanno riempito gli occhi di scorci suggestivi ammirati passeggiando sulle sponde attrezzate con percorsi ciclabili e pedonali. La successiva puntata ad Iseo ha confermato se c'era bisogno, quanto questi luoghi siano ricchi di storia testimoniata da chiese, rocche e palazzi le cui vestigia ci raccontano di un passato ricco e prestigioso

Il passaggio a Iseo è stato ulteriormente impreziosito dall'essere incappati nel weekend che la cittadina ha dedicato al "mercatino Europeo" che con i suoi colori, profumi e vivacità ha attirato la nostra curiosità passeggiando per i vicoletti assolati e pieni di turisti.
Il clou della prima giornata di tour però è stata la visita e soprattutto la degustazione delle pregiate bottiglie della cantina Solive, situata nel cuore del Franciacorta, a pochi chilometri dal Lago. Qui, una guida d'eccezione, ovvero Paolo,  il giovanissimo enologo responsabile della cantina, ci ha accolto e illustrato con passione e competenza, le origini e la storia dei vitigni e della cantina stessa, che nel giro di pochi anni è passata dall'essere una piccola azienda agricola, a una rinomata eccellenza fra le oltre 150 cantine del Franciacorta.

In una cornice da sogno, fra prati verdi e soleggiati, ulivi e casolari in pietra, dopo aver esplorato la cantina e i suoi tesori, i Nostri prodi hanno potuto finalmente dare la migliore prova di sè, scolando un imprecisato numero di bottiglie e dando onore e merito a questo nettare, frutto di una lavorazione davvero impensabile!

Siccome la cifra stilistica di Bikersinmoto è quella di non farsi mancare proprio niente, la degustazione è proseguita più tardi presso la Cascina Solive, che ha imbandito una sontuosa cena innaffiata dai pregiati vini di cantina, finita a tarda notte fra brindisi e piacevoli chiacchierate, preceduta da una inaspettata mostra di macchine d'epoca che sostavano nell'agriturismo dopo una gara svolta in giornata. Durante il convivio  c'è stato anche il piacere di riabbracciare due coppie di amici di Bikersinmoto che risiedono in zona, Dopo il sonno ristoratore e il recupero dei guanti che il Presidente, complici le bollicine, aveva dimenticato in cantina il giorno prima, domenica mattina il drappello è partito alla volta di Zone per ammirare la famose "Piramidi", dopo aver costeggiato il Lago fino a Marone, e inerpicandosi per una bella e motociclistica strada farcita di curve e tornanti.
Qui la pace dei luoghi è stata turbata dalla rumorosa romagnolità del gruppo che fra risate, battute e foto di gruppo , si è fatta ampiamente riconoscere da chi era venuto qui per ammirare le piramidi, che ci ha subito associato alla piadina e alla riviera, scherzando come solo con noi romagnoli si può fare!
La meta è valsa sicuramente la pena, perchè le "piramidi" pur essendo diminuite di numero, causa la natura della loro composizione facilmente attaccabile dall'erosione delle acque, sembrano delle fantastiche costruzioni di sabbia che i bambini fanno in spiaggia sul bagnasciuga, sulle quali un gigate ha posto un sassolino in precario equilibrio.
Dopo le piramidi, via verso Lovere, altra località affacciata sul Lago dove il gruppo, dopo aver esplorato il borgo e il lungolago, ha compiuto la sosta pranzo in un bellissimo locale con vista, per poi compiere l'ultimo tratto di strada che ha completato il giro del Lago.
La strada scavata in alcuni punti letteralmente nel sasso della montagna sovrastante, passa per spettacolari curve a strapiombo denominate "orrido di Castro".
Una due giorni intensa e divertente che ci renderà sicuramente un  po' più lieve la settimana lavoravita appena incominciata, il tutto con una firma ormai inconfondibile: quella di Bikersinmoto!